giovedì 29 gennaio 2015

La fine e l'inizio


La mia vita e il mio lavoro sono una sola cosa, non so dove finisca una e inizi l'altro, non vivono spazi separati ma sono inscindibili. Un bellissimo sodalizio che molti chiamano fortuna, nel quale io ho investito tempo, risorse, impegno e rinunce. Nella meraviglia di questo progetto allargato ho scelto di non nascondermi dietro un brand ma di metterci la faccia, sempre. Questa faccia non sempre è sorridente, non sempre ammicca, non sempre è truccata per intenderci. Quante belle facce vedo intorno a me, stuccate perfettamente, impeccabili nei sorrisi scolpiti e finti, votati ad un'autopromozione sfrenata sotto la quale si nasconde spesso solo un banale egoismo. 
La mia faccia adesso è malinconica per la perdita del nonno, pilastro affettivo della nostra famiglia. A lui dedico questo momento riflessivo del mio lavoro, in cui sto raccogliendo le energie per nuovi importanti progetti. Il nonno ha sempre creduto nel mio lavoro e mi ha sempre sostenuto con un amore senza riserve. Oggi tutti questi doni sedimentano e si preparano a trasformarsi in cose belle.
Il periodo di Natale è stato ricco di lavoro e soddisfazioni, la nuova collezione è piaciuta molto e sono contenta perché lavorare con Linda sulle ginocchia è stato impegnativo (viva la nonna!). Ci sono momenti in cui tutto sembra più complicato di quello che è, ma poi l’importante è continuare a fare, provare, trovare nuove soluzioni.
Adesso faccio volentieri la mamma per buona parte del mio tempo, ma riprenderò presto a sostenere ritmi di lavoro più intensi, non appena avrò riordinato le idee su nuovi progetti in cantiere.
Naturalmente Linda sarà sempre con me a supervisionare il tutto ;-)